come fare manutenzione alla moto

Manutenzione corretta!

A tutti noi può capitare di lasciare la moto ferma per alcuni mesi, se non anni, in un box al freddo e a prendere polvere. Il motociclista sa che oltre ad essere capace di guidare la moto, deve essere in grado di eseguire i giusti controlli e la giusta manutenzione. Per fare ciò, bisogna conoscere le basi della moto, ed avere dimestichezza con vari attrezzi.
Sappiamo che ormai le officine lavorano in maniera consumistica, cambiando un pezzo con uno uguale (spesso tarocco), senza conoscere nemmeno da cosa è dovuto il problema. Per cui, c’è bisogno che noi umili mortali, ci armiamo di tanta pazienza e qualche attrezzo per manutenzione, ed entriamo in gioco.

Tutto in pochi minuti.

Per controllare la moto non servono più di 30 minuti, e la persona più affidabile per effettuare questi controlli, sei tu!
Perché non un meccanico? Provate a chiedere al vostro meccanico, dopo che ha effettuato il tagliando di rito, se ha controllato una qualsiasi cosa (liquido refrigerante, spessore freni, ecc), ricevere sempre la solita risposta “si, ma tra poco bisogna cambiare”. Risposta che a molti non sta più bene.

Iniziamo con il controllare le pastiglie dei freni e lo spessore del disco. Per le prime, basta esaminare lo scalino che segnala lo spessore, ricordando che non deve essere inferiore a 2mm. Per quanto attiene il disco, sarà sufficiente vedere che lo stesso non sia ovalizzato, rigato eccessivamente e non presenti solchi anomali.

Leve e pedali.

Accertiamo che tutte le leve, pedali e gli annessi segnalatori di frenata, funzionino correttamente. Se riscontiamo malfunzionamenti, passiamo a verificare che non ci siano perdite di liquidi, cavi danneggiati e tubi deteriorati.
Inutile ribadire che bisogna controllare la pressione delle gomme, perchè questo andrebbe fatto spesso. I pneumatici delle moto, hanno una durata di circa due anni, dopo lo pneumatico inizia a indurirsi, con conseguenza perdita di aderenza. Ma questo argomento è già stato trattato.

Ultimi controlli

Un rapido controllo a indicatori di direzione, luci e batteria. Quest’ultima deve risultare visivamente senza ossidazione e non deve presentare nessun materiale residuo di colore bianco/giallo. In tal caso, acquistiamo uno spray per contatti elettrici che rimuove l’ossidazione. Non ci resta che passare all’altezza dei denti di: catena, corona e pignone. Particolare attenzione al dado che ferma quest’ultimo, non deve avere gioco e deve essere accuratamente serrato

Manubrio e ammortizzatore

Verifichiamo il fine corsa dell’ammortizzatore, eseguendo un test pratico su di esso. Saliamo in sella, teniamo frenata la ruota anteriore e con spostiamo il peso del corpo sul manubrio. Facendo ciò in modo energetico ed a intervalli, accertiamo che il gambo non arrivi a fine corsa. Non dimentichiamo i vari liquidi, tra cui olio motore e freni, liquido refrigerante e tutti quelli di cui siamo dotati.

Check Up completo

Ora che si è concluso, non resta che un ultima cosa… Usciresti di casa dopo qualche mese senza lavarvi? Non credo proprio! Per cui, attiviamoci per un’accurata lavata alla moto! Preferibilmente senza usare acqua a alta pressione, che potrebbe finire in posti indesiderati!
Buona strada!

Condividi:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.